Le Giornate FAI di Autunno in collaborazione con la Croce Rossa Italiana – Comitato di Monza

La sede della CRI Monza aperta per le Giornate FAI di Autunno

Monza, 11 ottobre 2021 – Le Giornate FAI di Autunno di sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021. Con centinaia di aperture a contributo libero in centinaia di città di tutta Italia, l’edizione 2021 delle Giornate FAI di Autunno è dedicata ad Angelo Maramai (1961-2021), già Direttore Generale del FAI ed è patrocinata dal Comune di Monza e del Comune di Seregno, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, Comitato di Monza.

Per questa edizione, FAI Giovani Monza e la Delegazione di Monza hanno individuato aperture speciali che permetteranno di scoprire luoghi straordinari a Monza e Seregno, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, con prenotazione obbligatoria su www.giornatefai.it e posti limitati.

Prendere parte alle Giornate FAI d’Autunno 2021 vuol dire non solo godere della bellezza dei Beni aperti alle visite, ma soprattutto supportare la missione del FAI in un momento particolarmente delicato. Tutti i visitatori, infatti, potranno sostenere il FAI con una donazione libera del valore minimo di 3 € e potranno anche iscriversi al FAI online oppure nei diversi Beni aperti durante le giornate previste. La donazione online consentirà inoltre di prenotare la propria visita.

Con oltre 110 volontari della Delegazione di Monza impegnati per l’accoglienza, i visitatori saranno portati alla scoperta di alcuni luoghi del nostro territorio, luoghi di arte, architettura, storia, preghiera e antichi saperi e sarà proposta anche un’apertura insolita: quella della sede monzese della Croce Rossa Italiana.

La scelta della sede della Croce Rossa Italiana Comitato di Monza è motivata da differenti fattori. In primo luogo perché la sua storia parte da lontano e l’Italia è la nazione europea in cui è nata l’idea di questo corpo, dopo la battaglia di Solferino del 1859. Grazie allo svizzero Henry Dunant, la Prima Convenzione di Ginevra (1864) pose le basi della Croce Rossa, oggi la più grande organizzazione di soccorso nel mondo. 

L’inedita visita culturale nella nostra sede del Comitato monzese porterà i visitatori a scoprire la storia della Croce Rossa Italiana, i suoi principi, il valore simbolico del suo emblema nonché l’organizzazione territoriale, con le attività di emergenza, prevenzione, primo soccorso alla popolazione, assistenza sanitaria, distribuzione viveri, educazione alla salute nelle scuole e continuità assistenziale, ex Guardia medica.  La narrazione verrà supportata da fotografie d’epoca e documenti d’archivio. Il percorso prevede, inoltre, l’esposizione di automezzi, anche al fine di mostrarne l’evoluzione storica. 

Il Presidente Dario Funaro dichiara: “Siamo onorati dell’opportunità che il FAI ha dato alla CRI di Monza di aprire al pubblico la storica sede di via Pacinotti, questa opportunità crea l’occasione di mostrare la lunga storia della Croce Rossa e del comitato di Monza e nel contempo l’attività che svolgiamo a favore della cittadinanza. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra due organizzazioni di volontariato operanti in ambiti diversi, evidenzia da un lato il valore di una cittadinanza attiva al servizio della comunità, dall’altro uno splendido connubio tra la cultura che promuove e valorizza il patrimonio culturale storico e artistico e la cultura sociale che promuove e valorizza il senso di solidarietà e responsabilità verso se stessi e gli altri. Oltre al comitato di Monza collabora il comitato di Desio presso l’Abbazia di San Benedetto a Seregno.”

Non è finita qui, il secondo sito che è possibile visitare è in collaborazione con la Reggia di Monza e sarà il Teatrino di Corte della Villa Reale, progettato nel 1806 e recentemente restaurato. Sempre a Monza, il terzo luogo visitabile è il complesso del Monastero e della Chiesa di Santa Maddalena e Santa Teresa nel centro della città. Infine, a Seregno, i monaci benedettini aprono le porte dell’Abbazia e del Monastero di San Benedetto ai volontari del FAI e ai visitatori in collaborazione con l’Associazione Seregn de la Memoria. 

Un weekend ricco di bellezza quello di sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021, un’occasione unica per i visitatori per scoprire nuove storie di luoghi solitamente inaccessibili. 

FacebookLinkedInInstagramYouTube