Diario di un Volontario in “missione”

13 maggio 2020
Giorno 1: Giorno della partenza

Alle 11:30 arriva la chiamata “fai le valige che parti”. I primi minuti sono stati un po’ scioccanti, non pensavo fosse vero: “Partenza alle 15:30 da Bresso”.

Di corsa vado a casa, tempo di preparare la valigia, lavarmi e salutare tutti e mi trovo già sul mezzo CRI che mi porta a Bresso. Le informazioni che ho sono poche. Motivo attivazione: Assistenza Sbarchi. Niente di più e niente di meno.

Arrivato a Bresso mi danno un paio di informazioni sul viaggio, ovvero pullman fino a Roma con le seguenti tappe: Bologna, Firenze, Roma. Lo abbiamo chiamato “il viaggio della speranza”. Durante il viaggio riceviamo info per come raggiungere la Sicilia, alcuni partiranno in treno con me da Roma termini a Villa S. Giovanni dove poi prenderemo il traghetto per sbarcare sull’isola. Durante il viaggio faccio amicizia con altri 5 volontari, per uno di loro è già la seconda volta.

Ore 23:03
Arriviamo a Roma dove ci accoglie la responsabile della Sala Operativa Nazionale ed il suo staff. Finalmente si cena e nel mentre ci spiegano la giornata di domani e fanno le divisioni delle camerate per dormire.

Ore 23:56
Arriviamo in questo centro che sembra una vecchia caserma dove al piano terra si trova la SON e nei piani superiori le camerate. Una volta divisi ci mettiamo subito a letto, è tardi e la sveglia è già puntata alle 5:45. Malgrado sappiamo che il tempo per dormire sia poco non riusciamo a prendere sonno ma dobbiamo sforzarci.

Ringrazio il Presidente, il Consiglio Direttivo, il DLAE, tutti i miei colleghi e amici della Sala Operativa Locale di Monza e tutti i volontari che mi hanno sostenuto da quando ho mandato la disponibilità di pronta partenza“.

A domani,
Andrea

FacebookLinkedInInstagramYouTube